Alba a Milano (fonte)

Pare che il Milan sia il favorito di questo derby che si giocherà domani sera. A dirlo due o tre mesi fa sarebbe stato poco credibile, eppure in questo inverno che sta per finire la situazione delle due squadre si è ribaltata: i nostri rossoneri vengono da cinque vittorie consecutive, sono in semifinale di Coppa Italia e, soprattutto, occupano, seppur con un solo punto di vantaggio, il terzo posto che per lunghi tratti del torneo è stato in mano ai nerazzurri.

Non dovrebbero esserci grossi problemi di formazione per Gattuso, che ha tutti a disposizione, tranne Bonaventura (infortunato ormai da lungo tempo). La cattiva prestazione di Conti a Verona dovrebbe fare tornare Calabria sulla fascia destra, mentre l’unico ballottaggio è quello tra Bakayoko, che garantisce copertura e ha rifiatato durante lo scorso turno, e Biglia, regista decisamente più classico. Benché io tendenzialmente preferisca la seconda opzione, pare che sarà il francese in prestito dal Chelsea colui sul quale dovrebbe cadere la scelta di Gattuso, e con buone ragioni, poiché sarebbe coerente con le scelte tattiche che, negli ultimi mesi, hanno permesso al Milan di ottenere buonissimi risultati.

In generale, vedo questa partita come quella del salto di qualità che il Milan cerca ormai da troppo tempo.

Gli avversari – Le difficoltà dell’Inter sono note a tutti, quelle di spogliatoio e quelle legate ai più recenti risultati. Per quel che riguarda l’eliminazione agli ottavi dell’Europa League, ho come l’impressione che ai nerazzurri della partita contro l’Eintracht Francoforte non importasse moltissimo. Comunque, occhio.

Le altre – Mentre scrivo, la Roma sta perdendo a Ferrara. Questa corsa alla qualificazione alla prossima Champions League sembra un poco una gara a chi pasticcia di meno. Non so se il ritorno di Claudio Ranieri potrà rinvigorire i giallorossi (che, a mio avviso, almeno sulla carta ci restano superiori). Il tecnico romano e romanista si è mostrato non raramente bravo, in passato, nel raddrizzare la stagione di squadre un poco in difficoltà, venendo a mancare soprattutto sul lungo periodo o in occasioni importanti (salvo la stagione miracolosa col Leicester).

Da seguireLazioParma

Da evitareGenoaJuventus

IL PROGRAMMA DELLA 28a GIORNATA

Venerdì 15 marzo 2019
ore 20:30 – Cagliari-Fiorentina 2-1 

Sabato 16 marzo 2019
ore 15:00 – Sassuolo-Sampdoria 3-5
ore 18:00 – SPAL-Roma
ore 20:30 – Torino-Bologna


Domenica 17 marzo 2019
ore 12:30 – Genoa-Juventus
ore 15:00 – Atalanta-Chievo
ore 15:00 – Empoli-Frosinone
ore 15:00 – Lazio-Parma
ore 18:00 – Napoli-Udinese
ore 20:30 – Milan-Inter