Serie A 1961–62 – Milan-Bologna – Giovanni Trapattoni, Luís Vinício, Giorgio Ghezzi

Milan e Bologna daranno vita al posticipo del lunedì sera di questa giornata di Serie A. I rossoneri, in ritiro punitivo dopo il tracollo delle ultime settimane di campionato, cercano punti per entrare in qualche modo in Europa.

Perso Calabria fino a fine stagione, perso di nuovo anche Caldara per parecchi mesi e squalificato Romagnoli, la linea difensiva sarà probabilmente composta da Abate, Zapata, Musacchio e Rodriguez. Novità forse arriveranno anche davanti, a quanto pare, con un centrocampo più classico e meno muscolare (Bakayoko dovrebbe fare spazio a Biglia) e Paquetà numero dieci dietro il duo PiatekCutrone.

Non so se il quarto posto sia ancora raggiungibile (matematicamente sì, ovvio, ma ora dobbiamo fare la corsa sugli altri). Il minimo da chiedere è che si finisca il campionato con una certa dignità, perché la squadra è messa molto male a livello mentale.

Gli avversari – Il Bologna di Sinisa Mihajlovic non è quello di Filippo Inzaghi. L’allenatore serbo ha rimesso in piedi la squadra emiliana, che ha iniziato a ottenere buoni risultati e arriva a questo incontro dopo aver raccolto dieci punti su dodici nelle ultime quattro partite.

Si tratta di una sorta di déjà-vu: se ben ricordate, Mihajlovic, anche grazie qualche intervento sul mercato, prese lo sgangheratissimo Milan inzaghiano e gli diede forma, un minimo di gioco, un modulo definito. I risultati non furono eccellenti, ma portarono il Milan a lottare di nuovo per le coppe e in finale di Coppa Italia – poi, Silvio Berlusconi si intestardì per via di qualche astruso motivo e cacciò Mihajlovic dopo una sconfitta di misura contro la Juventus (e non contro una provinciale).

Le altre – Ieri l’Inter ha pareggiato a Udine, mentre il Torino ha ottenuto solo un pareggio nel derby della Mole. LazioAtalanta è uno scontro diretto che ci interessa molto, mentre la Roma è ospite del Genoa. Come vedete, nessuno corre, e i punti che lo scorso anno non erano necessariamente sufficienti per essre quarti, quest’anno potrebbero non essere raggiunti nemmeno dalla terza in classifica. Che rammarico…

IL PROGRAMMA DELLA 35a GIORNATA

Venerdì 3 maggio 2019
ore 20-30 – Juventus-Torino 1-1

Sabato 4 maggio 2019
ore 18:00 – Chievo-SPAL 0-4
ore 20:30 – Udinese-Inter 0-0

Domenica 5 maggio 2019
ore 12:30 – Empoli-Fiorentina
ore 15:00 – Lazio-Atalanta
ore 15:00 – Parma-Sampdoria
ore 15:00 – Sassuolo-Frosinone
ore 18:00 – Genoa-Roma
ore 20:30 – Napoli-Cagliari

Lunedì 6 maggio 2019 
ore 20:30 – Milan-Bologna