Ventinove gol in campionato, trentadue in stagione, per una media complessiva di una rete ogni 93 minuti (85 se si considera solo la Serie A), già due volte capocannoniere della massima serie, con concrete possibilità di diventarlo una terza volta quest’anno (alla pari, per fare alcuni nomi, di Giuseppe Meazza, Gigi Riva, Michel Platini, Giuseppe Signori): questo è il bagaglio che avrebbe portato con sé Ciro Immobile stasera contro il Milan se solo fosse stato disponibile. Invece no, non sarà così, poiché l’attaccante di Torre Annunziata dovrà scontare un turno di squalifica proprio contro il Milan, così come il suo compagno di reparto Caicedo, a cui si vanno ad aggiungere gli infortunati Marusic, Lulic e Luiz Felipe. Voi come vedete questa cosa? Mettiamola nella categoria dei piccoli colpi di fortuna, dai.

I rossoneri, infatti, sono gli sfavoriti nell’incontro di questa sera, e vedere gli avversari perdere la loro arma più pericolosa dovrebbe dare qualche possibilità in più agli uomini di Pioli, o almeno creare meno problemi – in fondo, alla Lazio mancheranno 40 dei suoi 66 gol segnati finora in A. Intendiamoci, Simone Inzaghi non sarà privo di mezzi per farci male (pensiamo a Correa, Milinkovic-Savic, Luis Alberto), però, ecco, le opportunità per fare punti passano anche dalle mancanze altrui.

Certo, bisogna iniziare a evitare le nostre mancanze, come mostrano i due punti persi a Ferrara in un turno che ha visto le sconfitte di Roma, Napoli e Parma, l’ennesima occasione mancata dal Milan per mostrare un piccolo salto di qualità. Dovrebbe aiutare il ritorno di Kjaer in difesa all’Olimpico di Roma dopo la prestazione deludente contro la SPAL del giovane Gabbia (unica alternativa nel ruolo, visti i problemi di Musacchio e Duarte). Sarà della partita Zlatan Ibrahimovic (sempre sia lodato), probabilmente pronto a prendere dal primo minuto il posto di Ante Rebic. Il ritorno di Conti (al posto di Calabria) e la scelta di Saelemaekers come alternativa all’infortunato Castillejo dovrebbero completare il quadro dei cambiamenti che si dovrebbero vedere in campo dall’inizio tra i rossoneri.

Visto che siamo in quel punto della stagione in cui si guarda anche al calendario degli altri (al momento il Milan ha 43 punti), c’è da seguire lo scontro diretto al San Paolo tra le due squadre che immediatamente ci precedono, Napoli (45 punti) e Roma (48), mentre il Verona (42) dovrebbe avere una trasferta relativamente facile a Brescia. Più difficile il discorso per il Cagliari (39) che ospita un’Atalanta che più in forma di così non si può, mentre il Parma (39) si troverà a giocare in casa contro la Fiorentina.

IL PROGRAMMA DELLA 30a GIORNATA

Venerdì 4 luglio 2020
ore 17:15 – Juventus-Torino
ore 19:30 – Sassuolo-Lecce
ore 21:45 – Lazio-Milan

Sabato 5 luglio 2020
ore 17:15 – Inter-Bologna
ore 19:30 – Brescia-Verona
ore 19:30 – Cagliari-Atalanta
ore 19:30 – Parma-Fiorentina
ore 19:30 – Sampdoria-SPAL
ore 19:30 – Udinese-Genoa
ore 21:45 – Napoli-Roma