Stefano Pioli sembra orientato a confermare per l’incontro di stasera a San Siro contro la Juventus la formazione che sabato ha battuto (in maniera inaspettatamente agevole, va detto) la Lazio di Simone Inzaghi. Sembrano passati, infatti, i problemi fisici di Hakan Calhanoglu, e Bonaventura dovrebbe nuovamente superare Paquetà nelle gerarchie.

Se si escludono le voci riguardanti il futuro assetto societario e la panchina della prossima stagione, si arriva a questo incontro in una condizione quasi ottimale: da quando sono ricominciate le partite, solo lo sfortunato pareggio a Ferrara ci ha lasciato dell’amaro in bocca, sembra esserci ottimismo e fiducia dei propri mezzi, inoltre ci si presenta con delle opzioni interessanti in panchina per provare a cambiare direzione alla partita.

La Juventus sarà sicuramente intenzionata a mantenere i suoi sette punti di vantaggio sul secondo posto, per chiudere il prima possibile il discorso campionato e concentrarsi sulla Champions League di agosto. Squalificati De Ligt e – buon per noi – Dybala, a sostituirli saranno con molta probabilità Rugani e Higuain (giocatore che è tornato a essere osannato dalla stampa, benché nelle 37 partite da lui disputate quest’anno abbia segnato un solo gol in più rispetto alla mezza stagione brontolona in maglia rossonera). È inutile ora stare a sottolineare il vantaggio tecnico che i bianconeri hanno sul Milan attuale. Sappiamo, però, che in questa stagione contro di noi non hanno avuto vita facile, a partire dalla loro vittoria di misura all’andata, fino al doppio pareggio in Coppa Italia (con un arbitraggio che non ci ha affatto soddisfatto).

Per quel che riguarda la zona Europa League (che coinvolge almeno sette squadre, Napoli escluso per via della già conquistata qualificazione alla fase a gironi), sono in programma due scontri diretti, cioè BolognaSassuolo e RomaParma, mentre il Verona ospiterà l’Inter al Bentegodi. L’impegno del Cagliari a Firenze sembra quindi, almeno sulla carta, il più semplice tra quelli di coloro che cercano di conquistare i due posti a disposizione per il secondo torneo continentale. Insomma, il Milan è sì impegnato in una serie difficile di partite consecutive, ma nessuno può passeggiare e di passi falsi ne compiranno tutti.

IL PROGRAMMA DELLA 31a GIORNATA

Martedì 7 luglio 2020
ore 19:30 – Lecce-Lazio
ore 21:45 – Milan-Juventus

Mercoledì 8 luglio 2020
ore 19:30 – Fiorentina-Cagliari
ore 19:30 – Genoa-Napoli
ore 21:45 – Atalanta-Sampdoria
ore 21:45 – Bologna-Sassuolo
ore 21:45 – Roma-Parma
ore 21:45 – Torino-Brescia

Giovedì 9 luglio 2020
ore 19:30 – SPAL-Udinese
ore 21:45 – Verona-Inter