Come diceva l’altro giorno il nostro boss, la sfiga esiste e, viene da aggiungere, ci vede benissimo. Rispetto all’anno scorso, i giocatori contagiati dal Covid-19 sono davvero pochissimi in Serie A e nessuna squadra ha dovuto subire più assenze rilevanti, tranne una, proprio il nostro Milan.

Già Giroud era stato trovato positivo qualche settimana fa, ora invece sono indisponibili per lo stesso motivo Theo Hernandez e Brahim Diaz, a cui vanno sommati i vari infortunati di breve o lungo periodo, tra cui il nostro portierone Mike Maignan. Sarà ancora a ranghi ridotti, quindi, la rosa a disposizione di mister Pioli. L’avversario, tra l’altro, non è da sottovalutare: il Verona, infatti, nelle due passate stagioni ha mostrato di saper far bene (soprattutto nei primi mesi del campionato) e di avere una certa tenuta difensiva, e pur essendo state le prime tre giornate segnate da tre sconfitte, l’esonero di Eusebio Di Francesco e l’arrivo di Igor Tudor sembrano aver fatto riconquistare ai veneti lo status di provinciale pericolosa, con 8 punti in quattro partite, tra cui una vittoria casalinga contro la Roma e un largo successo contro lo Spezia.

Se le nostre prime punte, quindi, sono tornate a essere tutte pienamente a disposizione, benché non tutte con la possibilità di garantire novanta minuti in campo, dietro ci sarà da fare delle scelte oculate, anche in vista degli impegni europei. Calabria sarà quindi spostato a sinistra, lasciando posto a Kalulu, oppure sarà Ballo-Touré il vice-Hernandez? E pensando sia alla condizione fisica, sia alla trasferta portoghese di martedì, chi andrà a comporre la coppia centrale difensiva? Inoltre, Tatarusanu sarà all’altezza della situazione, o scopriremo che nei prossimi mesi ci dovremo piuttosto affidare al neoarrivato Mirante?

Si tratta, è chiaro, di una situazione non catastrofica che però richiede una certa gestione delle risorse, tenendo anche conto dell’età dei vari Giroud e Ibrahimovic (sempre sia lodato). Gli scontri diretti che questo turno di campionato mette in scena a Roma e a Torino, però, ci offrono un’occasione ghiotta per staccare ancora di più alcune delle altre pretendenti al quarto posto.

Sabato 16 ottobre 2021
ore 15:00 – Spezia-Salernitana 1-2
ore 18:00 – Lazio-Inter
ore 20:45 – Milan-Verona

Domenica 17 ottobre 2021
ore 12:30 – Cagliari-Sampdoria
ore 15:00 – Empoli-Atalanta
ore 15:00 – Genoa-Sassuolo
ore 15:00 – Udinese-Bologna

ore 18:00 – Napoli-Torino
ore 20:45 – Juventus-Roma

Lunedì 18 ottobre 2021
ore 20:45 – Venezia-Fiorentina