A partire da lunedì sera e dai tre ceffoni presi a Roma, ho accuratamente evitato l’informazione sportiva con poche eccezioni. Ho controllato sul mio smartphone i risultati finali di Champions League, ho seguito per qualche minuto e distrattamente un’intervista post-partita a Pep Guardiola, ho visto la prima ora della semifinale di Europa League tra Manchester United e Roma (poi mi sono appisolato), e infine, stamattina, mi sono ritrovato a leggere un editoriale su Milan News in difesa di Stefano Pioli. La sola idea di dare un’occhiata alle notizie sportive o all’aria che tira sui social network mi metteva, e continua a mettermi, un po’ di ansia: avrei letto lamentele, foschi presagi, richieste di teste mozzate e così via. Il problema è che temo che queste cose potrebbero vedermi d’accordo.

Per questi motivi, non ho la minima idea degli ultimi sviluppi in casa rossonera e di come arriviamo a questo incontro. L’unica garanzia di qualificazione alla prossima Champions League è un filotto di 5 vittorie su 5. Normalmente, vista la difficoltà del calendario, considereremmo 13 punti su 15 un risultato più che onorevole. Purtroppo, non è questo il caso. Abbiamo passato quattro mesi a mettere fieno in cascina, altri quattro mesi a bruciarlo e ora siamo in quel punto della stagione in cui contano la testa (chissà se riusciamo a recuperarla) e le gambe (non siamo tra quelli messi meglio). Certamente, sarebbe molto amaro il sapore di un quinto posto dopo essere stati campioni d’inverno.

IL PROGRAMMA DELLA 34a GIORNATA

Sabato 1° maggio 2021
ore 15:00 – Verona-Spezia
ore 18:00 – Crotone-Inter

ore 20:45 – Milan-Benevento

Domenica 2 maggio 2021
ore 12:30 – Lazio-Genoa
ore 15:00 – Bologna-Fiorentina
ore 15:00 – Napoli-Cagliari
ore 15:00 – Sassuolo-Atalanta

ore 18:00 – Udinese-Juventus
ore 20:45 – Sampdoria-Roma

Lunedì 3 maggio 2021
ore 20:45 – Torino-Parma