resa-dei-conti

E’ giunta l’ora della resa dei conti. L’avevamo promesso: a fine stagione saremmo andati a rispolverare il post in cui invitavo chi ne avesse voglia a sbilanciarsi, a metterci la faccia. A snocciolare qualche pronostico a piacere. E questo non per perderci in pratiche tanto care a qualche sciocchino autonominatosi concessionario di patenti di tifo che purtroppo popola una parte del mondo milanista (“Scendi dal carro! Sali sul carro!”, gente che si diverte così), bensì per giocare un po’ fra noi, e all’occorrenza sfotterci in amicizia.

Devo dire che, a parte qualche iperbole sfuggita a qualcuno (che ci sta, è il bello del tifo), nell’insieme questo blog di previsioni ne ha azzeccate parecchie, ed in particolar modo ha azzeccato quella che sarebbe stata la posizione finale di classifica della squadra, malgrado il comprensibile scoramento generale del momento dovuto alle cessioni illustri e al rivoluzionamento della rosa. Impressionante è il numero di commentatori che previdero il terzo posto. Teniamo ben presente che il post lo scrissi il 4 settembre 2012 dopo appena 2 gare, di cui una persa malamente e l’altra vinta nettamente ma senza brillare eccessivamente.

Ciascuno analizzerà le proprie ed altrui previsioni come più lo riterrà opportuno. Le mie furono le seguenti:

Il Milan ha il potenziale per ottenere un quinto posto. Ma diciamo la qualificazione in Europa League, non di più. Di sicuro ci precederanno nell’ordine la Juve, ‘o Napule, ‘a Roma e l’Inter, poiché secondo me dispongono di rose più attrezzate rispetto alla nostra, più ricche di talento (o se preferite meno povere), e hanno proprietari più interessati alle loro sorti rispetto al nostro per le nostre (non ci vuol molto, è sufficiente conoscere i nomi dei propri calciatori).

Cannata (con gioia), ma di poco. Notare però che ho azzeccato le prime due classificate. Ho sopravvalutato l’Inter, questo è chiaro, ma all’epoca non potevo certo prevedere l’incredibile serie di infortuni che l’avrebbe decimata. Molto più grave è stato non tenere conto di Zeman, autentica zavorra per una Roma che tuttora continuo a considerare potenzialmente superiore a noi.

In Champions il Milan verrà sbattuto fuori a calci in culo agli ottavi di finale: siamo stati fortunati nel sorteggio per i gironi, ma nella fase ad eliminazione diretta avremo un sacco di elementi poco avvezzi a quel tipo di gara.

Azzeccata, anche per i calci in culo, perlomeno nella seconda gara.

Krkic si dimostrerà più forte di El Sharaawy, semplicemente perché lo è.

Cannata.

Pazzini segnerà dai dieci ai quindici gol, perché gliene mancano soltanto sette e sto facendo il furbo, ma anche perché credo in lui.

Ne ha segnati sedici, ma si può dire che questa l’ho azzeccata.

De Jong sarà un elemento imprescindibile del centrocampo, diventerà il leader di questa squadra. Tosto fisicamente, piedi sopportabili, cattivo, aspetto poco raccomandabile, in serie A farà la sua porca figura.

Nè azzeccata né cannata, la sfiga ci ha messo lo zampino e non sapremo mai come sarebbe andata altrimenti.

Boateng no, non ha la stoffa del leader, al di là dell’aspetto poco raccomandabile. Ma se la salute e la Satta non lo tormenteranno, disputerà una stagione dignitosa.

Direi cannata, la stagione del Boa non è stata neppure dignitosa.

Pato si confermerà un ex calciatore, l’ho già scritto mille volte ma è giusto che lo ripeta visto lo spirito del post.

Azzeccata.

Allegri mangerà il panettone soltanto se otterrà risultati decenti nei primi due mesi, altrimenti non ce la farà. Ma il suo destino è segnato comunque perché fa schifo a Silvietto (di conseguenza ad Adrianone che col cazzo è disposto ad affondare col livornese; ricordate il labiale in tribuna?: “Ma io gliel’ho detto!!!”). Insomma, al più tardi a fine stagione saluti e baci al caro Acciuga, capro espiatorio di turno (anche se è giusto precisare che, di fronte al non raggiungimento dei risultati che ho scritto sopra, l’esonero sarebbe sacrosanto.).

Boh, questa è complicata da giudicare, poiché ancora non sappiamo che fine farà Acciuga: diciamo però che qualcosa di azzeccato c’è.

Poi ci sarebbe l’ormai mitico commento del sottoscritto internamente al post: Acerbi di testa è una sentenza.” Velo pietoso.